AVVISO: DDA in attesa del prossimo DPR del 3 Maggio 2020.

Circolare n.°58

Sin dall’inizio dell’emergenza COVID-19, la nostra Scuola ha attivato modalità didattiche ritenute idonee a garantire la continuità didattica e la prosecuzione del rapporto formativo con i suoi alunni mediante la “Scuola a distanza”, tenendo conto delle: linee educative e didattiche proprie di ciascuna insegnante, realtà di apprendimento e di relazione proprie di ciascuna classe, modalità comunicative e relazionali pensate come più adeguate a continuare il percorso scolastico intrapreso, sia pure secondo modelli del tutto diversi dalla “scuola in presenza” e, peraltro, mai sperimentati nemmeno dalla nostra scuola.

La Direzione della Scuola, d’intesa con il Gestore ha cercato di chiarire la volontà dell’istituzione scolastica di proseguire l’intervento educativo avviato, mediante:

  • l’utilizzo dell’esistente sito della scuola quale punto di riferimento e di collegamento;
  • l’indizione di Collegi Docenti on-line per assicurare il costante scambio fra Docenti e Direzione circa la continuazione dell’attività didattica complessivamente unitaria;
  • la richiesta alle insegnanti di formalizzare sia la revisione della programmazione educativa, adattandola alle nuove condizioni ambientali dovute alla pandemia del Coronavirus, sia la proposta settimanalmente presentata agli alunni di prosecuzione didattica, comprensiva di argomenti, spiegazioni, materiali d’apprendimento, compiti da svolgere, correzione degli elaborati, elementi per la valutazione, ecc.;
  • il ricorso a strumenti e canali comunicativi diversificati, rispettoso delle scelte pedagogiche dei singoli docenti e delle caratteristiche d’apprendimento di ciascuna classe (dal telefono alle mail, da WhatsApp alle piattaforme di Classroom e WeSchool, da Zoom ai filmati), ma tutti finalizzati e mirati alla ricerca di “buone prassi” da condividere con le colleghe.

Nella prima fase dell’emergenza, non sapendo ancora se e quando essa sarebbe rientrata, si è ritenuto opportuno non inserire nel percorso della “Scuola a distanza” le attività “meno salienti” per due ragioni:

  • verificare la gradualità e la “funzionalità” del percorso scolastico attuato con la proposta di “Scuola a distanza” a partire dalle materie curricolari, in modo tale da poterne verificare la validità e la percorribilità operativa con la successiva possibilità di estenderne l’applicazione a tutte le discipline di studio;
  • evitare di sovraccaricare le famiglie con ulteriori attività didattiche, che sarebbero in una prima fase apparse come un “onere” eccessivamente gravoso per alunni di scuola primaria ed i loro genitori, in una fase ancora embrionale della “Scuola a distanza”.

Dal momento che il percorso è stato avviato, con l’apprezzamento della maggior parte delle Famiglie, il Collegio Docenti ritiene ora opportuno, dato il perdurare della situazione emergenziale, continuare tutti i percorsi al fine di permetterne la valutazione degli apprendimenti. Dal prossimo DPR, del 3 Maggio quindi, saranno affrontate tutte le discipline curricolari, considerando che tutti i contenuti disciplinari saranno in ogni caso ripresi all’inizio del prossimo anno scolastico.

Grati della collaborazione
La Direzione Didattica