Tag: Circolare

Scuola Primaria – valutazione secondo quadrimestre
Scuola Primaria – valutazione secondo quadrimestre

Circolare N°61

Il Dirigente Scolastico

Vista l’attivazione della Didattica a distanza (Dad)

Vista l’O.M. n.11 del 16/05/20 relativa alla valutazione finale per l’a.s.2019-20,in particolare art.2, c.2

Visto il PTOF di Istituto e gli allegati criteri di valutazione

Tenuto conto della revisione di tali criteri in ragione di una valutazione formativa e di vicinanza piuttosto che sommativa e misurativa

comunica che

  • le procedure di valutazione in itinere e conclusive, condotte anche a distanza, per l’a.s. 2019-20 trovano fondamento nell’art.1 del D.Lgs. n.62 del 13/04/2017;
  • i docenti, nell’esercizio della propria libertà di insegnamento, hanno provveduto, ove ritenuto necessario, a rimodulare contenuti ed obiettivi delle singole discipline; mezzi, strumenti e metodologie in ragione dell’ intervenuta Dad;
  • il Collegio docenti, nell’esercizio della propria autonomia, ha provveduto ad integrare i criteri di valutazione degli apprendimenti e del comportamento in ragione dell’intervenuta Dad;
  • ai sensi dell’art.3, c.7 il Consiglio di classe non in possesso di elementi valutativi potrà utilizzare, sul documento di valutazione, la dicitura “ Non rilevabile”;
  • per gli alunni certificati DSA ai sensi della legge 104/1992, per gli alunni certificati DSA ai sensi della legge 170/2010, per gli alunni BES non certificati ma destinatari di PdP i Consigli di classe procederanno alla valutazione sulla base dei rispettivi PEI e dei rispettivi PDP così come adattati, ove necessario, alla Dad;

comunica altresì

che il documento di valutazione di tutti gli alunni della scuola primaria sarà reso disponibile dal giorno 17 al 19 giugno secondo il seguente calendario:

  • 17 giugno ore 8 classe II; ore 10:30 classe IV.
  • 18 giugno ore 8 classe V.
  • 19 giugno ore 8 classe III; ore 10,30 classe I.

 

Cordiali saluti
Direzione didattica

Avviso circ. n.60: Ricevimento al pubblico e PC in comodato d’uso
Avviso circ. n.60: Ricevimento al pubblico e PC in comodato d’uso

CIRCOLARE N. 60

Si avvisa l’utenza che, in base alle disposizioni impartite dal Consiglio dei Ministri al fine del contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, l’ufficio di segreteria ha sospeso il ricevimento al pubblico in presenza; l’attività di segreteria verrà garantita esclusivamente online e telefonicamente. Dalle ore 9 alle 12 dal lunedì al giovedì risponderà la signora Stefania Cece e sarà possibile, previo appuntamento, avere un colloquio con la Direttrice.

Vi ricordiamo inoltre, che fino al 17/05/2020 l’attività di segreteria sarà svolta solo per le attività indifferibili. L’utenza potrà richiedere informazioni o inoltrare istanze, tra cui la richiesta di pc in comodato d’uso (di proprietà dell’Istituto e non derivati da proventi ministeriali) N. 12 computer, ai seguenti contatti:

ad.astra674@gmail.com
segreteria@scuolasantanna.org

Nella sezione “modulistica” del sito puoi trovare il modulo per la richiesta dei PC in comodato d’uso.

La Direzione Didattica

Agevolazioni emergenza COVID-19
Agevolazioni emergenza COVID-19

Care Famiglie, “da oggi riconquistiamo un diritto fondamentale, che non ci sarà tolto: il diritto alla speranza. È una speranza nuova, viva, che viene da Dio… Immette nel cuore la certezza che Dio sa volgere tutto al bene, perché persino dalla tomba fa uscire la vita …” (Papa Francesco).

Alla luce dell’emergenza in atto e dei provvedimenti governativi inerenti al virus, nel rinnovare a tutti l’augurio che con la Grazia del Signore tutto possa risolversi nel più breve tempo possibile, sono a rispondere ai quesiti posti alla mia attenzione. Come saprete, l’Istituto che rappresento sta continuando ad impartire la didattica a distanza ai propri alunni, così come previsto dal Ministero dell’Istruzione a garanzia dell’apprendimento e della continuità didattica. Pertanto, non posso non ribadire che, come da regolamento sottoscritto, la retta scolastica è annuale e resta obbligatoria, al di là della modalità di erogazione frontale della didattica. L’agevolazione riguarda il solo costo della mensa scolastica e del doposcuola . Tuttavia, per venire incontro alle esigenze delle famiglie e riconoscendo la “delicatezza” del momento che stiamo attraversando, è stata prevista una integrazione al regolamento a. s. 2019/2020 in termini di alcune agevolazioni che vengono riassunte nel seguente modo:

REGOLAMENTO CLASSI SCUOLA PRIMARIA A.S. 2019-2020;

• Quanto alla retta scolastica, fermo restando che la stessa sia annuale e che può essere dilazionata in mensilità corrisposte da settembre a giugno, si riconosce la possibilità alle famiglie di versare la penultima mensilità di maggio entro e non oltre il termine perentorio del 30/06/2020, mentre il pagamento dell’iscrizione per l’a.s. 2020-2021 che deve essere versato entro maggio 2020 potrà essere corrisposto entro e non oltre il 31/08/2020. Resta invariata la possibilità di versare l’ultima mensilità di giugno 2020 entro il 31/12/2020.

REGOLAMENTO CLASSI SCUOLA DELL’INFANZIA E SEZ. A/B E SCUOLA PRIMARIA I ANNO A.S. 2019-2020:

• Quanto alla retta scolastica, fermo restando che la stessa sia annuale e che può essere dilazionata in mensilità corrisposte da settembre a giugno, si riconosce la possibilità alle famiglie di versare la penultima mensilità di maggio entro e non oltre il termine perentorio del 30/06/2020. Resta invariata la possibilità di versare l’ultima mensilità di giugno 2020 entro il 31/12/2020. La su indicata integrazione inerente al Regolamento a.s. 2019-2020 quale condizione di miglior favore riconosciuta alle famiglie, è operante dalla data odierna, fermo restando l’intero contenuto del Regolamento a.s. 2019/2020 già approvato e sottoscritto dai genitori, che si intende integralmente trascritto e riportato.

Il Regolamento a.s. 2020-2021 sarà invece oggetto di apposita sottoscrizione da parte di ogni famiglia al momento dell’iscrizione e potrà recepire eventuali Decreti Ministeriali o essere oggetto di revisione in base al prolungarsi dell’attuale emergenza dovuta al COVID-19.

La Direzione didattica

Chiusura scuola per emergenza Covid-19
Chiusura scuola per emergenza Covid-19

In data odierna il Consiglio dei Ministri ha ordinato la chiusura straordinaria di scuole e atenei d’Italia da domani 5 marzo al 15 marzo per il contenimento sanitario da COVID-19.

Si invitano pertanto i genitori della Scuola dell’infanzia e primaria al ritiro del materiale scolastico domani 5 marzo, dalle ore 8.00 alle ore 9.00, per facilitare il lavoro a casa di insegnanti e alunni.
Grazie per la collaborazione.

La Direzione didattica

Norme di comportamento in caso di pediculosi
Norme di comportamento in caso di pediculosi

In osservanza delle norme di prevenzione nella scuola, si ritiene opportuno ribadire, con la presente nota, il comportamento da seguire in caso di pediculosi.

Si confida che i genitori si sensibilizzino al problema, effettuando sui propri figli un controllo preventivo il più possibile attento e frequente e avviando, qualora l’infestazione sia già in atto, una terapia mirata con i prodotti specifici acquistabili in farmacia.

In presenza di casi di sospetta o manifesta pediculosi, la normativa vigente (Circolare Ministro Sanità n. 4 del 13/03/1998, Circolare dell’Agenzia di Sanità Pubblica della Regione Lazio, Servizio Prevenzione, Formazione e Documentazione – U.O. Malattie Infettive prot. 6770 – ASP del 02/12/2005) prevede l’obbligo, da parte del Dirigente scolastico, di disporre la sospensione della frequenza scolastica dei soggetti affetti fino all’avvio di idoneo trattamento disinfestante, certificato dal medico curante (pediatra o medico di famiglia). Questi ha il compito di fare diagnosi, prescrivere il trattamento specifico antiparassitario e certificare l’inizio del trattamento per la riammissione a scuola. A tal proposito si ritiene opportuno rendere note le indicazioni emanate Dall’Agenzia di Sanità Pubblica della Regione Lazio in merito alle misure di profilassi per il controllo della pediculosi nelle scuole.

Per affrontare in maniera efficace il problema delle infestazioni da pidocchi nella scuola è necessario il contributo di genitori e insegnanti, nonché personale sanitario. Ognuno deve svolgere il suo compito in maniera coordinata ed efficiente.  Ai genitori dei bambini che frequentano una collettività spetta la responsabilità principale della prevenzione e identificazione della pediculosi attraverso un controllo sistematico e regolare dei propri figli. I genitori sono anche responsabili per le tempestive applicazioni del trattamento prescritto.

  • L’insegnante che nota segni di infestazione sul singolo bambino ha il dovere di comunicare la sospetta pediculosi tramite segnalazione scritta ai genitori con lettera/nota scritta sul diario e comunicarlo contestualmente alla scuola.
  • La famiglia dovrà sottoporre il minore al trattamento antiparassitario, prestando particolare attenzione all’eliminazione delle lendini.
  • I genitori dell’alunno che sia già sottoposto a trattamento hanno l’obbligo di produrre certificazione medica o autocertificazione attestante l’avvenuto trattamento ai fini della riammissione a scuola.

La letteratura scientifica recente ha dimostrato quanto sia inefficace lo screening in ambito scolastico e, al contrario, quanto sia utile il controllo routinario degli alunni da parte dei propri genitori, anche se asintomatico.

Si raccomanda di attenersi scrupolosamente alle indicazioni date.

Il dirigente scolastico

Decreto emergenza Corona virus
Decreto emergenza Corona virus

Regione Lazio 26 febbraio 2020

Scuola, norme di comportamento e rientro.

In vigore per tutte le scuole di Roma Capitale, come per le altre, le disposizioni contenute nel Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 25/02/2020 in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID 19 (Coronavirus).

–  La riammissione nelle scuole per assenze dovute a malattia di durata superiore a 5 giorni avviene – fino alla data del 15 marzo – dietro presentazione di certificato medico.

– I viaggi di istruzione, le iniziative di scambio o gemellaggio, le visite guidate e le uscite didattiche sono sospese fino al 15 marzo.

– Chi rientra in Italia dopo aver soggiornato negli ultimi 14 giorni in aree della Cina interessate dall’epidemia, deve comunicarlo al Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda Sanitaria territorialmente competente e attenersi alle indicazioni della Asl.